Archivio

Archivio per marzo, 2011

Frank al lago

31 marzo, 2011

Il racconto di Franco Lodovichi sulla corsa di Gragnano, della scorsa domenica

Ieri sono andato a correre a Gragnano in quel di Sansepolcro , era la 2° edizione e per me la prima volta, mi e' piaciuta molto, anche se abbastanza dura in quanto a salite. Non era tanto lunga come kilometraggio, 11,500  km ma dopo un piccolo giro di circa 3 km diciamo in piano, siamo ripassati per la partenza e poi su dello sterro ma risistemato ed in riva quasi al

lago di Montedoglio, abbiamo fatto circa 6 km di sali e scendi con 2 belle salite, poi girato intorno ad un monte siamo ritornati in leggera discesa verso il traguardo. Il tempo che era previsto brutto invece e' stato buono non fr eddo

ed anche con un pallido sole ad un certo punto.

Sono
arrivato 27° argento su 40 e sono andato bene, eravamo in molti penso oltre 200, un po' dall'Umbria, dalla Toscana e dall'Emilia Romagna. La gara e' stata organizzata bene e con 5 euro davano 1 paio di calzini Asics e prodotti di Aboca, poi ho fatto una bella doccia al campo sportivo vicino e poi con 12 euri abbiamo pranzato io e la mia padrona.  Ecco qui' c'e' da rivedere la distribuzione del pasto perche' c'e' stata una gran disorganizzazione, ho rivisto con dispiacere er mutanda e insomma ecco e molti cani non sciolti , mi rifarò domenica prossima che non saranno a Siena. ok per ora e' tutto a voi la linea . Frank Vangiro.
 

News

ParcoCorsa

29 marzo, 2011

Domenica 3 aprile 2011 si correrà in contemporanea in molte città italiane il "Vivicittà", organizzato dalla UISP nazionale in collaborazione con le varie sedi locali e le società podistiche. E' un'occasione ottima di prendere parte ad un gara e di invogliare sempre più gente ad unirsi al movimento podistico, confidando anche in una bella giornata di sole.

In particolare ad Arezzo ci sarà "ParcoCorsa",  che muovendo dal Parco Pertini di Via Giotto tocca il colle del Pionta, il Parco Ducci, sale fino al Prato e scende a Villa Severi prima di rientrare al Parco Giotto, dove sono situati l' arrivo ed il ristoro finale.

Vista la gara di casa come società ci teniamo molto ad essere presenti in massa, per rappresentare in modo significativo la nostra squadra con il maggior numero di atleti.

Vogliamo vedere una "macchia rossa" della Podistica Arezzo nel gruppo  dei partenti, quindi siete invitati ad iscrivervi inviando una mail oppure lasciando un commento qui sotto, entro venerdì 1 aprile prossimo: ci contiamo!!!

Le info sulla gara e sul percorso in questa pagina.

News , , , ,

Resoconto di Montedoglio

28 marzo, 2011

In una bella giornata di primavera si è disputata a Gragnano la 2° edizione dell’Ecocorsa  del lago. La manifestazione ha visto in campo maschile il netto successo di un brillante  Filippo Occhiolini per i colori dell’ U.P. Policiano, in campo femminile altrettanto netto successo della neo iscritta alla Podistica Arezzo Maria Chiara Parigi. Buoni risultati degli altri atleti del gruppo con in testa un ritrovato Aldo Soldini seguito da: Farinelli, Sadotti, Felici e la bella sorpresa di un Luca Tognalini in netta crescita; senza dimenticare la prestazione di rilievo di Massima Fontani.

Per quanto riguarda le classifiche di società ci siamo classificati in ottima posizione  con 29 iscritti, confermandoci come una delle società di vertice del movimento podistico provinciale.


Le classifiche: generale e di categoria.

Da Denise Quintieri: la pagina con il racconto ed a breve le foto.

 

News , , , , ,

Montedoglio 2011

27 marzo, 2011

La classifica della corsa di questa mattina a Gragnano

di Sansepocro. Per la nostra squadra una grande soddisfazione, con la nuova arrivata Maria Chiara Parigi che ha colto la vittoria con 51'37", davanti a Lucia Boncompagni (U.P. Policiano – 53'06") e Federica Pasquelli (Marathon Club Città Di Castello – 53'28") , bravissima!!

In campo maschile grande prova di Filippo Occhiolini (U.P. Policiano – 38'56") che ha staccato Cristian Marianelli (Olympic Runnes Lama – 41'39") e Giuseppe Cardelli (U.P. Policiano – 42'01").

Come sono andati i nostri:

 

Pos
Cognome
Nome

Cat
Tempo
20 SOLDINI ALDO   A 0.46.43
34 FARINELLI ROBERTO   A 0.48.34
40 SADOTTI GILBERTO   A 0.49.15
47 ZUCCHERELLI CARLO   A 0.49.59
51 FELICI FABIO   A 0.50.14
52 SGUERRI ENRICO   A 0.50.22
67 PARIGI MARIA CHIARA D 0.51.37
79 NUNZIATI MAURO   A 0.52.18
86 TOGNALINI LUCA   A 0.52.52
96 BELLI GIANLUCA A 0.53.23
103 MINOCCI CLAUDIO   A 0.53.59
117 SCARPELLI GIULIO   A 0.54.49
118 GRAZIOTTI FABRIZIO   B 0.54.52
134 BORGOGNI SEBASTIANO B 0.55.43
141 FINI ANDREA   A 0.56.33
151 MANCINI ALESSIO   A 0.57.01
154 NERI FABIO   A 0.57.08
156 FONTANI MASSIMA D 0.57.22
172 MARZIALI DANILO   B 0.58.41
195 PILASTRI RENATO   B 1.00.42
197 MAZZESCHI SERGIO   C 1.00.54
221 PERUZZI GIANCARLO B 1.02.25
223 FIORI LUCA   A 1.02.41
251 LISI MORENO   A 1.05.13
267 ROSSI STEFANO   A 1.07.21
306 SCALA RAFFAELE A 1.20.09

Resoconto eventi , ,

Sport e alimentazione

26 marzo, 2011

Martedì 19 aprile 2011, presso la sede storica del "Quartiere di Porta S. Spirito", alle ore 21:00, si terrà una conferenza, che presieduta dal Dottor Pierluigi Rossi. La serata è organizzata dal circolo ricreativo del Quartiere stesso in collaborazione con la "Amatori Podistica Arezzo". Argomento centrale della sarata sarà la discussione sul tema: "L' ALIMENTAZIONE SPORTIVA FINALIZZATA AL PODISMO". Il Dott. Pierluigi Rossi  spiegherà l'importanza di una corretta alimentazione da tenere, dal primo pasto del mattino fino alla cena, per condurre una linea nutrizionale adeguata e appunto finalizzata alla pratica della corsa a qualsiasi livello. Sarà possibile per gli intervenuti inoltre interagire direttamente al Dott.

Rossi, ponendo direttamente le domande su specifici aspetti.

L'ingresso è gratuito. Dato il grande interesse dell'argomento, tutti gli sportivi sono invitati, e sarà oltremodo gradita la presenza di società sportive.

Volantino.

News, Prossime Gare , , , ,

Iscritti per Gragnano – Montedoglio

26 marzo, 2011

Chi c'è domenica al Lago di Montedoglio

? Ecco la lista dei nostri partecipanti fornita da Claudio

 

ALBERTI LORENZO 1976 PERUZZI ALESSIO 1957
BORGOGNI  SEBASTIANO 1961 PERUZZI GIANCARLO 1957
BELLI GIANLUCA 1970 PILASTRI  RENATO 1954
FALSINI ANDREA 1973 SADOTTI GILBERTO 1965
GRAZIOTTI  FABRIZIO 1960 SCARPELLI GIULIO 1966
 LISI MORENO 1971 FELICI  FABIO 1963
MANCINI  ALESSIO 1973 SGUERRI  ENRICO 1979
FIORI LUCA 1964 SOLDINI ALDO 1965
MASCARUCCI  FABRIZIO 1957 TOGNALINI  LUCA 1965
MENCARELLI LUCIO 1950 SCALA  RAFFAELE 1964
NERI  FABIO 1972 FINI  ANDREA 1976
NUNZIATI MAURO 1966 FONTANI  MASSIMA 1964
       
NON COMPETITIVA   PINCARDINI GABRIELLA  

News , , , ,

Ultima di marzo

24 marzo, 2011

Torna l'ora legale nella notte tra sabato e domenica, ma non cambia l'orario delle gare previste per il fine settimana, quindi occhio a rimettere la sveglia!

In particolare domenica mattina ci sono diverse manifestazioni:

Gragnano di Sansepolcro (Ar): 2^ Ecocorsa del Lago di Montedoglio km 11,5 partenza ore 10:15

Firenze: 20^ Corritalia km 12 partenza ore 09:30

La Romola (Fi): Corri Alla Romola, km 14.5 partenza ore 09:30

Milano Marittima (Ra): Ravenna Off Roads,  Km 32-22 partenza ore 09:30

Rio Maggiore (Sp): 8^ Marcia nel Parco Naturale delle 5 Terre, km 25 partenza ore 08:30    

Ferrara: 32^ Ferrara Marathon, km 42,195 partenza ore 09:30  

Treviso: 8^ Treviso Marathon, km 42,195 partenza ore 09:45

Villa Rosa di Martinsicuro (Te): Maratona dell'Adriatico, km 42,195 partenza ore 09:00

Per chi fosse interessato a partecipare alla gara di Montedoglio, ritrovo alle ore 8:00 al parcheggio della Scuola Severi in vi

ale Dante.

Il referente per questa trasferta è Sebastiano Borgogni (3337207465)

News , , , ,

Lorenzo Alberti

23 marzo, 2011

Un bersagliere: questa è la prima immagine che viene in mente pensando a Lorenzo, che non pare essere condizionato da tattiche o strategie quando si presenta al via delle corse.

Niente calcoli: finché il fiato regge e le gambe girano, vederlo nelle prime posizioni è sicuro. Questo spirito battagliero lo pervade a prescindere dal tipo di gara e dalla distanza, anche se qualche volta lo conduce ad incappare in giornate negative, che non ne scalfiscono il morale: lavata via la fatica con una bella doccia e torna il buonumore.

Diverse maratone all'attivo, ben 7, con un personal best davvero ragguardevole: 2h 54' 18" (Firenze 2010). Una bella soddisfazione se l'è tolta la scorsa domenica a Roma: 314° assoluto su oltre 13.000 al via è motivo d'orgoglio, dopo avere affrontato in gennaio i 43 km durissimi della Ronda Ghibellina (solo perché era ghibellina, altrimenti neanche partiva!). Anche sulla mezza maratona vanta un ottimo tempo.

Campione sociale in carica, ha conquistato lo scettro a novembre 2010 dopo un bel testa a testa con Pietro Verini.

Si da molto da fare per la nostra squadra, forte della disponibilità del Circolo ricreativo del Quartiere di Porta Santo Spirito, di cui è fiero protagonista. Tra l'altro, con il patrocinio del Quartiere stesso, è uno degli organizzatori del Memorial "Bamba" Randellini che si corre a fine agosto, in ricordo di un amico scomparso.

Sarà la somiglianza fisica, sarà l'abitudine di correre con la bandana oppure il modo di affrontare le gare tutto cuore, ma il suo stile ricorda un quello grande sportivo, magari discusso, il "Pirata" Marco Pantani. A Lorenzo tutto l'affetto dei compagni di squadra ed un grande in bocca al lupo per le prossime imprese!

Podistica Arezzo , , ,

Ancora una volta Guelfi o Ghibellini

23 marzo, 2011

Gli appassionanti commenti,autentici  fuochi artificiali  seguiti alla Maratona di Roma  meritano alcune riflessioni. La prima è che in qualche maniera è stato toccato un nervo  scoperto nella testa dei podisti.

Con  alcune sfumature le posizioni che si confrontano sono sostanzialmente due  e  trovano uno specifico campo di battaglia intorno al quesito se correre una maratona sia qualcosa di "eroico" oppure no. Oppure detto in  termini più espliciti ci troviamo davanti a due partiti come al tempo dei Guelfi  e dei Ghibellini, quello dell'orologio e quello delle emozioni. Fino a non molto tempo fà si considerava fortunato un sessantenne che ogni tanto  riusciva a fare qualche passeggiata. Oggi non pochi settantenni gareggiano assiduamente e felicemente nelle varie  manifestazioni podistiche,con tempi sul km di tutto rispetto. Alcuni di loro  non disdegnano nemmeno le maratone. Fino a pochi anni fa la maratona veniva sconsigliata a qualsiasi età mentre oggi nel mondo ci sono centinaia di migliaia di persone, di ogni età, uomini e donne che  la corrono. Nessuno potrà ragionevolmente affermare che questo è un male e che sarebbe meglio partecipassero alle gare, maratone comprese, solo atleti da  3 e 30 al km, o perchè no da 3 e 15 in giù. Le maratone invece di vedere al via 30 o 40 mila persone risulterebbero appuntamenti per pochi intimi. Forse sarebbe meglio cosi? Il fatto che oggi  corra tanta gente è forse uno dei pochi aspetti positivi che si possono vedere nella società. Se la corsa è divertimento, sfida con se stessi, percezione diversa della realtà, sfida alla sofferenza, ecc ecc, il bilancio di una qualsiasi esperienza, per favore,  lasciatelo fare  a chi l' ha provato sulla  sua pelle e con i suoi sensi. Chi non ha mai corso una maratona farebbe bene ad  astenersi da giudizi sommari riguardanti la felicità o presunta infelicità degli altri. Abbiamo visto podisti evoluti, che si consideravamo fortissimi e magari lo erano pure, ritirarsi al 18 km di una maratona  perchè indietro rispetto alla tabella prefissata. Fu in quella occasione che nella bacheca del campo scuola apparve il seguente  cartello, forse scritto da Pasquino in persona, " il Colonna consuma più di una Ferrari e con 50.000 lire non fa neanche 18 km. Ricordo che molti allora  difesero quella sua scelta, perchè  doveva  correre la maratona in 2 ore e 44 e  non si poteva certo accettare un 2h e 50.

Frequento il campo scuola dagli anni '80 e posso testimoniare il cambiamento avvenuto nei podisti in questi anni.

Non ci saranno "campioni " ma poco importa.

Oggi vedo in giro tanta gioia di correre, tanta passione, tanta condivisione della fatica  con sempre il sorriso sulle labbra. Questo attualmente   è lo spirito della Podistica  che non a caso si  riflette nel notevole aumento dei  tesserati.Il clima  del campo scuola dove si riunisce il gruppo più numeroso tra i nostri iscritti è ottimo e lo spogliatoio è sempre pieno zeppo di gente.Il piacere di stare insieme unitamente al desiderio di migliorarsi formano una miscela fantastica. Nessuno è invidioso se qualcuno va più forte e fa progressi più rapidi e in generale tutti sono contenti anche se le prestazioni in qualche gara non sono quelle auspicate. Ci sarà un motivo se quando dominava il partito dell'orologio la  gente che comunque corricchiava ci vedeva come marziani e si guardava bene da iscriversi alle società podistiche. In quegli anni il livello medio dei podisti sarà stato anche superiore ma  ricordo discussioni in cui  a Jovine (un tempo eccellente podista) autore  di  splendide maratone terminate con tempi intorno alle 2h e 37 veniva detto che la maratona non era per lui e che  "non andava un cazzo".  Se ci ripenso rido ancora. Con questo non voglio dire che è  comunque eroico fare la maratona anche in 5  o 6 ore, ma gratificante sicuramente si. Gli argomenti del Coach sono inoppugnabili ed è da ammirare l'impegno di chi quotidianamente sostiene  allenamenti  durissimi tesi come dice lui ad ottimizzare la prestazione e ridurre il consumo di energia. Dopo tanti anni di podismo so che se ci sono 100 podisti  ci sono 100 modi di intendere la corsa e che  nessuno possiede il verbo divino. Il podismo è  uno sport  che a livello amatoriale  assomiglia sempre di più ad una filosofia. Bisognerebbe mettersi in testa che tutti hanno le loro ragioni.

 

witko55                                 

Podistica Arezzo , , , , ,

Scarpe Running: come scegliere la più adatta alle nostre caratteristiche….

22 marzo, 2011

Nell'articolo di fine Febbraio avevamo analizzato i primi due criteri di scelta delle scarpe da running: Superficie d' Appoggio ed Ammortizzazione. Oggi na anlizziamo altri quattro : Portanza, Stabilità, Peso e Resistenza.

La Portanza è la misura che determina il supporto, ovvero l'effetto di spinta verso l'alto offerto dai materiali di cui è composta l'intersuola quando sugli stessi viene determinata la compressione del tallone o della pianta del piede nel momento di appoggio del piede a terra. In modo soggettivo la si può verificare premendo con il dito nell'intersuola nella parte interna alla scarpa, nel punto dove batte il tallone: più si avverte la sensazione di spinta meglio è….. La Portanza si misura in Newton(N)/cm2.

La Stabilità indica la capacità di controllo dell'appoggio, ovvero la capacità di controllo del movimento di pronazione che, contrariamente a quanto pensano alcuni runners, è necessario ed indispensabile. La pronazione può essere definita la "rollata" naturale che il tallone compie dal momento del primo appoggio a terra, che avviene quasi sempre sul bordo laterale esterno del tacco, fino al momento in cui il tacco si stacca nuovamente

da terra per dare slancio alla falcata. Molte calzature hanno inserti elastici, grigi o neri, incastonati nella zona mediale dell'intersuola a lato del tallone (inserto di controllo di pronazione e non antipronazione come erroneamente pensato da alcuni "esperti") che serve al controllo della pronazione, utile sopratutto per gli iper-pronatori in quanto può fornire un'idea di come e quanto ciascun runner "prona" durante la corsa. Gli inserti possono anche essere composti da più materiali con diversa portanza ed in alcuni casi possono anche essere di plastica solida nelle scarpe "stabili a massimo controllo" poco usate in Italia ed in Europa in generale.

Il Peso di una scarpa per amatori non è così influente sulla prestazioni. Basti pensare che, da studi di laboratorio, 100g di peso in meno per ogni scarpa possono far guadagnare 10"/20" per ogni 10 km e 42"/84" sui 42 km della maratona…praticamente 1" o 2" ogni km.

La Resistenza indica la durata della capacità di ammortizzazione che è  determinante per una scarpa e per l'atleta che la usa.

Molte case produttrici inseriscono nelle zone critiche materieli durevoli come gel, cuscini d'aria o altri tipi di elastomeri High-Tech.

Prossimamente analizzeremo gli ultimi tre criteri di scelta che sono: Flessibilità, Ammortizzazione e Risposta Elastica.

News , , , , , , ,