Archivio

Archivio per novembre, 2014

Risultati Firenze Marathon 2014

30 novembre, 2014

Inutile dire che il podio maschile e femminile se lo sono spartito kenioti ed etiopi, rispettivamente Asbel Kipsang  (Kenia – 2h09'55") primo,  Levy Matebo Omari (Kenia – 2h10'20") secondo poi William Kibor (idem – 2h15'20") terzo tra gli uomini e tra le donne l'etiope Ehite Bizuayehu Gebireyes che con 2h31'28" si è imposta nettamente sulle due keniote Grace Kwamboka Momanyi (2h35'04") e  Lucy Wambui Murigi (2h40'02").

Meno esotici i nomi dei nostri atleti che hanno visto il traguardo. In ordine di arrivo

 

591 Rossi Stefano 3h10'08" 
1119 Pallini Roberto 3h21'24" 
1630 Minocci Claudio 3h28'38" 
1697 Sguerri Enrico 3h30'04" 
3219 Pagliuca Edoardo 3h48'08" 
4635 Cottini Alfredo 4h04'08" 
4642 Merelli Francesco 4h02'09" 
4705 Lazzeri Andrea 4h02'26" 
5109 Bigi Daniela 4h06'25"
5706 Ercolani Giovanni 4h15'34" 
  Fratini Andrea 4h22'30" 

 

Tra gli aretini iscritti alle altre società (Policiano, Subbiano Marathon, Il Campino, Atletica Sestini), un bravo speciale a Santino Nicchi, che ha chiuso la sua maratona in 4h21'.

Maratona & Ultra

Maratona drammatica

30 novembre, 2014

Spesso abusato nelle notizie, il termine dramma in questo caso è quello più adatto per descrivere il lutto che ha colpito oggi la famiglia di un podista, che poco prima del traguardo ha accusato un malore ed si è accasciato a terra. Soccorso dal servizio medico dell'organizzazione, non ha più ripreso conoscenza nonostante le cure prestate. 

Trentotto anni, originario della Campania, abitava a Fucecchio e da circa due anni si era unito al movimento podistico locale. Visita medica regolare, fatta da pochi mesi, non si conoscono ancora le cause del decesso, ma cambia poco: ai quelli che lo conoscevano rimane il vuoto cui è difficile dare un senso. Ci uniamo come società al cordoglio alla famiglia.

Maratona & Ultra

Ultime ore di attesa per la maratona di Firenze

29 novembre, 2014

Manca poco ormai, il rito della preparazione pre gara della sera prima, il pettorale, l'orologio, la sacca da lasciare al deposito bagagli, il gel o le barrette di scorta, l'ultimo controllo alle scarpe, e domattina sveglia presto per essere di buon ora nella zona della partenza. 

Sarà un nottata tranquilla, magari agitata da quel giusto filo di tensione agonistica per chi ha già esperienza, una "notte prima degli esami" per chi esordisce in questa occasione nella distanza, ed è alla prese con mille dubbi ed incertezze. Un sentimento comprensibile ma che si scioglierà al momento di entrare nelle griglie di partenza, unendosi al fiume colorato di persone di tutte le età che si apprestano a condividere la stessa esperienza: la maratona. Difficile spiegare perché ognuno senta il bisogno di mettersi in gioco, e di affrontare una prova che comunque è molto impegnativa non solo per il fisico ma soprattutto per la mente, sta di fatto che anche quest'anno saranno circa 10.000 i podisti che correranno a Firenze.  

Che emozioni! L'attesa dello start, la gente che applaude lungo il percorso, il volto delle persone care che ti incoraggiano, i momenti difficili e finalmente il cartello dell'ultimo chilometro ed il tappeto dell'arrivo. E la gioia di abbracciare i compagni di avventura, e l'orgoglio di poter dire "sono un maratoneta". Si, forse è per questo che domattina tutti faremo il tifo per quelli che si presenteranno al via: siete dei vincitori, comunque vada, forza ragazzi!

 

Mazu_wizard  

Maratona & Ultra

Immagini Poggio Allegro

28 novembre, 2014

Ecco la galleria delle foto della gara di domenica 9 novembre 2014 a Poggio Allegro, nelle campagne circostanti il paese di Patrignone. 

.

Gare organizzate dalla Podistica Arezzo , , , , , ,

Domenica di preparazione

22 novembre, 2014

Forse per gara in calendario a fine novembre, come ad esempio la Maratona di Firenze, oppure per ricaricare le batterie per dicembre? Comunque vada domani una giornata di allenamento per molti, mentre altri parteciperanno al recupero della gara annullata a Policiano la scorsa domenica, per problemi sul percorso (solo versione "corta"). 

Se avete qualche idea o semplicemente cercate compagnia per la corsa mattutina, lasciate un commento qui sotto, o nel nostro gruppo Facebook.

News

Invernalissima: lista

20 novembre, 2014

Non è la prima gara invernale quella di domenica 14 dicembre 2014 (ma lo è di fatto), trentasettesima edizione della Invernalissima, mezza maratona che parte ed arriva a Bastia Umbra, passando sotto il colle di Assisi. Come tutti gli anno organizziamo una trasferta per partecipare in gruppo a questa gara, lasciate un commento se vi volete aggregare al gruppo.

 

Invernalissima 21,097 km
VIti Claudio Peruzzi Giacarlo
Martinelli Vinicio Cappietti Ennio NC 2 pett
Sadotti Gilberto Innocenti Silvia
Chianucci Maurizio  Cottini Alfredo
Dringoli Andrea  

 

Podistica Arezzo

Parigi candidata a miglior trailer 2014

18 novembre, 2014

Anche quest'anno la rivista "Spirito Trail" organizza un sondaggio on-line per eleggere gli specialisti della disciplina, che hanno conseguito i migliori risultati nell'anno che volge al termine. Tra i vari nomi proposti spicca quello di Maria Chiara Parigi. Sosteniamo la nostra campionessa partecipando al suffragio!

Trail Running

VENERDI 28 NOVEMBRE cena organizzata dalla UISP provinciale

17 novembre, 2014

Venerdì 28 novembre ad Albergo, presso i locali della locale polisportiva, la Uisp organizza la cena intersociale di fine annata agonistica a cui possono partecipare tutti i podisti della provincia. Sarà l'occasione oltre che per procedere alle premiazioni degli atleti che si sono distinti nel campionato provinciale di corsa su strada appena concluso, anche per passare una piacevole serata in compagnia di persone che condividono la nostra stessa passione.

La  cena (costo euro 20 a persona) inizierà alle ore 20. Chi vuole partecipare è pregato di prenotarsi entro venerdì 21 novembre facendo un commento a questo avviso.

 

witko55.

News

Memorial Annetti

17 novembre, 2014

Gara molto impegnativa quella corsa ieri tra Policiano ed il Monte di Lignano, che ha visto anche la partecipazione di numerosi nostri atleti. Tra questi si è distinta Kate Bray, che si è classificata 1^ della propria categoria (e 5 assoluta). Bene anche Daniele Brezzi, quinto assoluto nel percorso lungo (classifica dal sito dell'organizzatore). 

La gara del percorso corto invece è stata condizionata da un problema con la segnaletica, che ha portato i partecipanti fuori sentiero, per cui è stata invalidata la classifica finale, e la prova sarà ripetuta probabilmente la prossima domenica (mancano i dettagli, ma nei prossimi giorni se ne saprà  di più).

La premiazione di Kate (fonte: profilo Facebook)

Resoconto eventi

Filosofia di corsa

14 novembre, 2014

Ho letto recentemente un articolo del giornalista ed opinionista Oliver Burkeman a proposito del continuo tentativo di miglioramento delle persone. Questa è un'attitudine che particolarmente evidente in chi fa sport, ed in chi corre nello specifico, dove la ricerca del progresso cronometrico è al centro delle conversazioni tra podisti di tutte le età e capacità.

L'autore pone in evidenza la necessità di pensare il miglioramento in termini di metodo, non di obiettivi, sostenendo che "…dare troppa importanza ai risultati ha molti lati negativi…….se consideriamo la vita una serie di traguardi da raggiungere, viviamo in uno stato di continuo fallimento. Per definizione, non arriviamo quasi mai al punto che per noi rappresenta il successo. E anche se ci arriviamo, scopriamo di avere perso la molla che ci spingeva, quindi ne cerchiamo un'altra e ricominciamo tutto da capo. Avere un metodo, invece, significa “fare regolarmente qualcosa che a lungo andare aumenterà le nostre probabilità di essere felici”, indipendentemente dai risultati immediati. Disegnare una vignetta al giorno è un metodo, come anche decidere di fare quotidianamente un po’ di esercizio fisico , piuttosto che prefissarsi un obiettivo come correre una maratona in quattro ore. Un metodo che adesso va molto di moda si chiama No zero days, e consiste semplicemente nel non lasciar passare neanche un giorno senza fare qualcosa, anche minima, in vista di un obiettivo importante.

È vero che in questo modo si perde la sensazione di trionfo che accompagna il raggiungimento di un obiettivo. Inoltre è difficile valutare giorno per giorno se il metodo sta funzionando. Ma il vantaggio è un flusso più regolare di piccoli momenti di felicità: mentre le persone che si pongono obiettivi languiscono in un perenne stato di insoddisfazione, osserva Adams, quelle che scelgono il metodo “hanno successo ogni volta che lo applicano, nel senso che fanno quello che volevano fare”.

Soprattutto, concentrarsi sul metodo significa concentrarsi su qualcosa che possiamo controllare – le nostre azioni – piuttosto che su qualcosa che non possiamo controllare, come l’imprevedibile mondo esterno. Se continuiamo ad applicare il nostro metodo, avremo più possibilità di successo. Se invece perseguiamo un obiettivo, ci sentiremo dei falliti anche quando lo raggiungiamo, e perfino un amante del politicamente corretto come me è in grado di capire che questo è stupido. …"

Articolo integrale (Fonte www.internazionale.it)

 

Dopo averlo letto e paragonato con la propria esperienza, direi che non si possa che convenire con quanto affermato, che ne dite?

 

Mazu_wizard

News