Home > Podistica Arezzo > Pietro Verini

Pietro Verini

Un lombardo trapiantato in Toscana,  che in poco tempo ha dimostrato tutto il suo valore in un mondo, quello podistico, che lo ha visto come protagonista una volta chiusa la carriera agonistica nel calcio.

Si è avvicinato quasi per caso alla corsa, e con l'entusiasmo travolgente che lo caratterizza è riuscito in un tempo veramente breve ad ottenere risultati di rilievo, vincendo gare ed ottenendo ottimi piazzamenti in gare  importanti. E' arrivato all'interno del nostro gruppo e del DLF, portando una ventata di aria nuova, che ha stimolato e rivitalizzato il movimento amatoriale che ruota intorno al Campo Scuola di Arezzo.

Un uomo che non ama le mezze misure e che in gara dà sempre il 100%, e con questo atteggiamento si è conquistato la stima ed il rispetto di compagni ed avversari.

Vincitore del campionato sociale nel 2009 e vicecampione nel 2010, vanta anche un tempo eccellente sulla mezza maratona.

La sua parentesi nella nostra città è destinata a chiudersi entro la fine del mese: una nuova avventura al di là dell'oceano lo aspetta: in bocca al lupo Pietro, la tua grande carica interiore ti servirà tutta!

Podistica Arezzo , , ,

  1. Roberto Farinelli
    24 Novembre, 2010 a 17:28 | #1

    Aspettando di scovare su internet un articolo che parla di un tuo importante risultato in terra Argentina, ti faccio tutti i miei migliori auguri per la tua nuova avventura…..a presto!

  2. Gianluca
    24 Novembre, 2010 a 17:44 | #2

    Roberto Farinelli :
    Aspettando di scovare su internet un articolo che parla di un tuo importante risultato in terra Argentina, ti faccio tutti i miei migliori auguri per la tua nuova avventura…..a presto!

    Quoto!

    Ciao Pietro

  3. sebastiano
    24 Novembre, 2010 a 18:19 | #3

    E’proprio vero Pietro è stato fondamentale nel rigenerare il nostro movimento podistico e nel RIPOPOLAMENTO del campo scuola e spiace che ci lasci proprio in questo momento di fermento.Ma per me c’è qualcosa in più al di là delle differenze fisiche e caratteriali ho rivisto”nell’intendere la competizione e lo spirito di gruppo”il mio giovanile entusiasmo e la mia spontaneità e per questo Pietro mi mancherà ancora di più.

  4. 24 Novembre, 2010 a 19:26 | #4

    Pietro, ho avuto la fortuna di conoscerti grazie alla gia collaudata amicizia che avevi con Francesco Delfini. Sono stato felice nel ricominciare anche insieme a te il mio ritorno al podismo dopo più di un anno di stop. Abbiamo avuto la possibilità di approfondire la conoscenza e l’amicizia. Sei venuto con Francesco più di una volta al mio “garage” con Francesco per andare poi tutti e tre insieme ad allenarci e tu dicevi che i dintorni di Arezzo ti piacevano molto…siamo andati a mangiare la pizza dove si aggiungeva l’altro compagno sia di squadra che di allenamenti, ovvero Federico, ho avuto anche qui la forturna di vivere poche ma intense serate nella più comun semplicità , ma nella più profonda amicizia …..momenti brevi, già vissuti così son tanta felicità che è bastato un attimo perchè volassero via….volassero verso l’Argentina…..spero con tutto il cuore che sia solo un arrivederci…grande Pietro. (sul lato podistico non aggiungo altro a quello che ho gia detto, e credo di essere stato chiaro di come credo tu sia…ma lo ripeto molto volentieri…un forte corridore che sicuramente col passare degli anni diventerai più forte). Se c’è una cosa al mondo che odio fare sono gli “addii” quindi tanto ci vediamo prima giovedi ….. a giovedi Pietro.

  5. Delfini francesco
    24 Novembre, 2010 a 20:51 | #5

    Caro Pietro io a differenza dell’amico Lori non sono forte con le parole soprattutto se si tratta di scrivere.Ci vediamo giovedi sera a cena e dopo un bel bicchiere di vino ci salutiamo, lo sai che ancora non riesco a credere che venerdi te ne vai! Ciao a giovedi

  6. claudio
    25 Novembre, 2010 a 0:21 | #6

    Sei stato poco con noi ma è stato un periodo molto intenso.Mi ricordo del tuo inizio in quel fine estate 2008 quando arrivasti ad Arezzo con in testa l’idea di fare la maratona di Firenze animato da una grande volontà,da un’entusiasmo contagioso e portando con te tanta allegria.Fu il periodo delle magiche foto con la polaroid .Passarono alcuni mesi e alle gare subentrarono i duri e metodici allenamenti che in poco tempo ti hanno fatto diventare tra i più forti podisti sulla piazza facendo emergere altri aspetti del tuo carattere.Non più podista spaccone,allegro e spensierato che voleva correre la maratona “tanto per fare ” ,ma un freddo calcolatore con in testa solo gli allenamenti e la sfida con gli avversari.Per loro sei stato il meta – avversario,quello con cui tutti hanno bramato di confrontarsi.In questo ho rivisto il film “corvo rosso,non avrai il mio scalpo”.Ad un certo punto mi è sembrato (e mi viene in mente un’altro film )che “il lato oscuro della forza” per dirlo nel gergo dei cavalieri Jedi avesse prevalso.Per tua fortuna le tue “vittorie” sono state accompagnate anche da qualche “sconfitta” e questo ti ha fatto rimanere con i pregi e le qualità del tuo inizio.Il tuo merito è stato quello di aver contribuito in modo determinante a far rifiorire il campo scuola.Ci mancherai.
    Ti auguro ogni bene e magari di trovare anche in Argentina una Boca – Podistica.
    hasta siempre , Pietro .

  7. andrea
    25 Novembre, 2010 a 14:07 | #7

    in bocca al lupo per la nuova avventura
    ciao
    andrea

  8. pietro
    25 Novembre, 2010 a 19:51 | #8

    Grazie di cuore a tutti…!

  9. velleda coazzoli
    21 Dicembre, 2010 a 0:34 | #9

    E’ MIO FIGLIO ! NE SONO ORGOGLIOSA, Buon Natale

  1. Nessun trackback ancora...