Archivio

Archivio per la categoria ‘Maratona & Ultra’

Maratoneti fiorentini

25 Novembre, 2019

L’appuntamento con la maratona più importante della Toscana vede sempre una grande partecipazione, quest’anno in ben 5.790 hanno tagliato la linea del traguardo. Vittoria per l’etiope Bekele in 2h10m14s e dell’inglese Jess Piasecki in 2h25m29s. Ricca anche la partecipazione dei nostri, al netto delle rinunce, con un gruppo di 10 atleti, capitanati da Francesco Pacifici (432mo in  3h09m09s) non completamente soddisfatto della propria prestazione. Un po’ di rammarico anche per Andrea Mazzeschi (666mo 3h17m14s) che dopo la grande soddisfazione newyorkese si toglie anche quella di chiedere la 9 maratona personale. Bravo anche Daniele Cheli  (790mo 3h20m53s) che completa un bel percorso nonostante il calo finale, chiudendo con un ottimo tempo. Quasi in coppia l’arrivo di  Claudio   Minocci (1068mo 3h26m52s) che dopo aver condiviso il percorso in treno verso Firenze si è ritrovato sulla linea finale con Fabrizio Bonarini (1075mo 3:27:00h), anche lui al bis dopo la trasferta nella Grande Mela. Gara di sofferenza ma portata a termine con orgoglio per Fabio Redondi  (3920mo 4h17m57s), stringendo i denti è arrivato al traguardo qualche minuto prima di Stefano Rossi (4324mo 4h23m50s), da applausi anche il nostro geometra. Roberta  Mengoni (4615mo 4h32m20s) guida la pattuglia femminile, che, inframezzata da   Riccardo Mafucci  (5063mo  4h47m22s), uno che ha lo spirito giusto per divertirsi correndo, è chiusa da Silvia Magnolfi (5387ma 4h58m44s).

Sulla validità dei tempi, che sarebbero stati comunque ottimi, c’è un dibattito aperto vista la riduzione di circa 500 metri operata dalla Direzione Gara per via di una fuga di gas, ma in ogni caso complimenti a tutti: ve li siete meritati. 

Maratona & Ultra

Emozioni di New York

4 Novembre, 2019

Per chi avesse 2 minuti di tempo, Andrea Mazzeschi ci racconta le sue emozioni durante il viaggio a New York.

 
Finalmente sono riuscito a capire perchè la maratona di New York è LA MARATONA e non UNA delle tante maratone. Mi iscrivo grazie a Born2run con il pacchetto pettorale e viaggio circa 1 anno fa. Volo, fuso orario e viaggio ma gia sai che farai tanti km per visitare la città nei giorni pre gara (forse troppi km). L’expo è organizzato magnificamente con gadget e pacco gara molto facili da trovare. Venerdi mattina esco con il gruppo per fare qualche km a central park, da li capisci già cosa è per loro l’atmosfera della maratona. Riunione al sabato dove ti parlano degli orari e del percorso( state attenti alla seconda metà molto dura)e gia inizia a salire l’ansia e la tensione. Arriva veloce la domenica, sveglia alle 4(per fortuna c’ è il cambio ora e si dorme un ora in piu), colazione e pronti alle 5 e 30 per il pulman. Salgo nel pulman nervoso ed emozionato e ti ritrovi per la avenue bloccato dal traffico di centinaia di pulman tutti in direzione Staten Island. Scendi dall’autobus, subito scanner e poi divisioni per colori di pettorale. Ognuno ha il suo villaggio. Ti offrono mangiare e bere caldo o freddo, ti coprono con vestiti e papale. Ci sono centinaia e centinaia di volontari. Mancano 2 ore alla prima onda. Molti con il cellulare in mano, io invece opto per lasciarlo in hotel per godermi ogni minimo metro dentro di me senza distrazioni(scelta condivisibile o no). Mi stendo sotto il raggio di sole e rimango vestito piu che puoi fino alla partenza(per poi buttare tutto nei contenitori di riciclaggio appositi). Inno americano (con le prime lacrime ad uscire)ed alle 9:40 parte la prima onda con i top uomini. Salita e discesa sul ponte di Verrazzano. Rumore di migliaia di passi che corrono con persone che ridono e scherzano e subito centinaia a far foto. Il ponte subito a freddo si fa sentire ma al 2km senti gia il boato della folla di Brooklin. Sulle transenne migliaia di persone a fare il tifo. I km passano, la gente davanti e dietro ti tira a piu non posso e non guardo nemmeno il garmin. Al 9km piccola curva a sinistra. Sulla destra vedo in lontanamza un bambino piccolo tenuto dalla mamma per mano che piange perchè gli atleti prendono stretta la curva e nessuno gli da la mano. Decido di allargare la traiettoria, mi fermo da lui, dandogli il “cinque” con un sorriso enorme. La sua mamma mi ringrazia e mi augura una bellissima corsa. Mi stanno scendendo le lacrime manpoi ritorno alla gara che è ancora lunga. Passano i km immersi nella folla. Al 18km mi rendo conto che non ho preso il gel del 15esimo, mi ero proprio perso mentre al 19km il silenzio assoluto dato dal quartiere ebreo. Li ti accorgi che inizi a mollare e che stai correndo una maratona ma per fortuna dopo 1km torna subito il boato del pubblico. Al 21km Williamsbrug e il ponte Polaski che ti immettono nel Queens. Penso a minor tifo ed invece anche questo quartiere mi stupisce dall’incitamento, dalle bandiere e dagli striscioni anche ironici (siete piu veloci della brexit). Al 24km il ponte del Quensboro. Terribile, un muro. Il silenzio piu assoluto per una salita costante che sembra non finire mai. Non si vede la fine, calo il ritmo, poi per fortuna nella discesa si sente il frastuono. In fondo al ponte entriamo a Manatthan (all ingresso la scritta oggi Manatthan è vostra). Non c’ è un posto libero nella transenna nemmeno a volerlo. Milioni di spettatori che urlano e incitano. Ti spingono a non fermarti. Ma il ponte si fa sentire e dal 30km in poi inizio ad accusare come del resto tutti gli atleti; si iniziano a vedere le prime persone che camminano, si fermano dai crampi, si sentono male. Il percorso inizia a salire e scendere in continuo, compreso gli ultimi 2 ponti per entrare e uscire dal Bronxs in soli 3km. Gli ultimi km sono dentro Central Park; chilometri nervosi con un continuo dislivello, ma con un pubblico che si chiude ad imbuto per festeggiarti (“siete voi i campioni”). Le lacrime iniziano a scendere a 2km dalla fine, e poco prima della linea del traguardo i rubinetti si aprono. Foto di rito finali con la medaglia post traguardo e percorso infinito per arrivare all’uscita. Torno all’hotel a piedi con la medaglia al collo, ed ognuno che incroci ti fa i complimenti per la gara; ti accorgi che non è finita li, perchè la città ti ringrazia tutto il giorno per aver fatto questa maratona.
Non avevo mai visto al mondo una maratona cosi partecipata (sia atleti, sia volontari ma soprattutto dal pubblico), una festa continua per 42km. Non ti senti mai solo; ed anche se è una maratona difficile dal punto di vista del percorso è difficile se non impossibile mollare del tutto. È stata l’emozione piu grande della mia vita (sportivamente parlando) e finalmente si è realizzato un sogno.

Maratona & Ultra

Podistica in trasferta

2 Novembre, 2019

Settimana di maratone all’estero per i nostri atleti, con la partecipazione di Andrea Mazzeschi e Fabrizio Bonarini alla New York City Marathon

 

ed alla Marathon des Alpes Maratimes a Nizza per Massimo Zurli. Due luoghi diversi a loro modo belli, due maratone che prima o poi ognuno dovrebbe mettere in calendario perché possono regalare emozioni straordinarie. Ad entrambi: forza ragazzi!!

Maratona & Ultra

Podistica per Etruria Marathon

25 Agosto, 2019

Domenica 8 settembre 2019 seconda edizione dell’Etruria Marathon, che quest’anno si sdoppia in Walking, con 4 percorsi da 12 a 42 chilometri e Running, con due percorsi da 12 e 32 chilometri. La partenza è fissata per le ore 7:45,  regolamento, percorso ed info nel sito

Come co-organizzatori della manifestazione abbiamo un canale diretto per le iscrizioni, quindi i nostri tesserati possono prenotare il pettorale (vi ricordiamo che sono accettati un massimo di 1.500 partecipanti totali) lasciando un commento a questo articolo.

12 Km  
Francesco Cerini* Silvia Innocenti*
Bruno Sguerri* Maria Cristina Muzzi*
Marco Faffini* Gabriele Nardoni*
Maurizio Bigi* Paolo Brocchi*
Sofia Cretella* Chiara Salvatore*
Tommaso Amato Silvia Magnolfi
Armando Forgione  
32 Km  
Massimo Zurli* Stefano Rossi*
Pietro Frasconi* Claudio Minocci*
Francesco Pacifici* Gilberto Sadotti*
Francesco Ciuffoni Stanghini* Roberta Mengoni*
Andrea Lazzeri* Luciano Parati*
Simone Menchetti* Enrico Sguerri*
Maurizio Chianucci* Daniele Cheli*
  Massimo Borri*
Leonardo Catalani* Giancarlo Peruzzi*
Kastriot Goga Fabrizio Bonarini

Maratona & Ultra

Luciano sul podio

5 Maggio, 2019

 

Complimenti a Luciano Parati che sabato, alla “6 ore del Donatore” di Foiano, ha conquistato il terzo posto nella maratona. Bravo, bella soddisfazione per uno dei nostri migliori elementi.

Maratona & Ultra

Maratona di Roma 2019

8 Aprile, 2019

La maratona più importante d’Italia è stata vinta, in una giornata piovosa, dagli etiopi Kebede Megertu Alemu in campo femminile in 2h 22m 52s e Tebalu Zawude Heyi tra gli uomini in 2h 08m 37s.
Come ogni anno la nostra pattuglia era numerosa e di ottimo livello, visti i risultati individuali
Il più rapido al traguardo è stato Leonardo Catalani con 3h 10m 07s, che mantiene sempre un eccellente livello sulla distanza, seguito da Paolo Raspanti che finisce in 3h 18m 28s portandosi in scia Errico Banchetti (3:20:22 il tempo finale). Resta sotto le 4 ore Marco Paganelli (3h 59m 05s) nonostante una giornata non facile, dura anche per Riccardo Carnesciali che comunque tiene duro fino al traguardo chiudendo in 4h 12m 33s. Prima tra le donne Roberta Mengoni, brava a completare la propria fatica in 4h 25m 20s seguita da vicino da Paolo Brocchi (4h 27m 35s il tempo finale), quindi Riccardo Mafucci in 4h 36m 58s e Sofia Cretella 4h 41m 40s.
La classifica completa seguendo il link.

Maratona & Ultra

Maratona di Milano 2019

8 Aprile, 2019

Maratona dei record quella di Milano, diciannovesima edizione, dove è stato migliorato il record sulla distanza corsa sul suolo italiano da   Titus Ekiru (Kenia) in 2h 04m 46s, che ha staccato nettamente i connazionali Evans Chebet Kiplagat  (2h 07m 22s) e  Koech Kipngetich  (2h 08m 24s), mentre il primo degli italiani è l’ottimo Stefano La Rosa , settimo al traguardo in 2h 14m 16s.  Record anche per le donne, con  Vivian  Kiplagat Jerono in 2h 22m 25s si piazza in undicesima posizione assoluta, seguita a grande distanza da Joan  Kigen Jepchirchir (2h 32m 32s) e l’etiope Abebe Ayelu  Hordofa (2h 37m 50s). 

Anche la nostra pattuglia registra due record: quello di Andrea Mazzeschi che si è classificato 572 mo  in 3h 08m 37s,  tempo eccellente in assoluto e nuovo miglior tempo personale sulla distanza. Grande soddisfazione anche per Silvia Magnolfi, esordiente che ha tagliato il traguardo con un gran   sorriso in  5745ma posizione con il tempo finale di  4h 50m 35s. Il derby in famiglia è però stato vinto dal marito Claudio Minocci ( 1508) in 3h 28m 34s, costante per tutta la gara anzi con progressione finale per staccare i due compagni di avventura ed allenamento Massimo Zurli ( 2085 – 3h 37m 41s) e Pietro Frasconi ( 2092 – 3h 37m 46s).

Davvero una bella giornata quella meneghina, organizzazione e percorso di primo livello, grande partecipazione con oltre 6.000 arrivati ai quali vanno sommati gli staffettisti: se amate la distanza una maratona da mettere nel mirino perché merita il viaggio. 

 

Maratona & Ultra

Lista Strasimeno 2019

1 Marzo, 2019

Domenica 17 marzo 2019 torna a Castiglion del Lago la Strasimeno, e come di abitudine possiamo come società iscrivere i nostri tesserati. Attenzione: lunedì 11 (domani) scatta il cambio delle tariffe. Lasciate un commento o questo posto o scrivete una mail a: info@corsadelsaracino.it .

entro il 11 Febbraio 2019
Non competitiva km 6,5 Partenza ed arrivo a Castiglione del Lago € 8,00
Traguardo km 10 … € 10,00 solo competitiva
Traguardo km 21 € 20,00 solo competitiva
Traguardo km 34 € 23,00 solo competitiva
Traguardo 42 e 58 km € 35,00
Dal 12 Febbraio 2019
Non competitiva km 6,5 Partenza ed arrivo a Castiglione del Lago € 10,00
Traguardo km 10 € 12,00
Traguardo km 21 € 27,00 solo competitiva
Traguardo km 34 € 30,00 solo competitiva
Traguardo km 42 e 58 …€ 45,00 traguardo km 58 anche non competitiva per tesserati FIASP

Ultramaratona 58 km  
Francesco Pacifici Fabrizio Bonarini

Maratona & Ultra

Gelida mattinata di Dicembre

16 Dicembre, 2018

In questa glaciale domenica, fare il runner è visto ancora più da eroi, solo per il coraggio di uscire in pantaloncini per la sua corsetta mattutina. C’è invece chi affronta queste temperature non solo per fare una semplice corsa, ma per affrontare la gara “Regina” e cioè la maratona. 

Alla maratona di Pisa hanno partecipato alcuni dei nostri atleti. Primo al traguardo dei nostri troviamo Daniele Cheli che affronta le fatiche con un ottimo tempo di 3h23’11” (448^), migliorando il proprio record personale.  Poco distante il nostro Massimo Zurli che nonostante un periodo caratterizzato da pochissimi allenamenti conclude l’ennesima maratona con un ottimo tempo di 3h30’50” (622^), precedendo di poco Gabriele Meliciani che chiude in 3h30’58” (624^). Da notare che si sono incontrati solo dopo la linea del traguardo. A seguire Tommaso Amato conclude con un ottima prestazione con il tempo di 3h44’29” (826^). Conclude Federico D’Ascoli che riesce a completare la propria maratona sotto le 4 ore con un tempo finale di 3h56’32” (1.080). Complimenti a tutti perchè concludere una maratona è un qualcosa da veri supereroi.

Oltre alla maratona c’erano distanze intermedie: 3 km/7 km/14 km e 21 km, dove troviamo il nostro Alfredo Cottini che conclude con il tempo di 1h53’30”.

A Bastia Umbra invece si svolgeva la 40esima edizione dell’Invernalissima.  A sfidare il freddo ci hanno pensato Claudio Minocci con il tempo di 1h33’37”, Giovanni Bagni in 1h45’36” e Riccardo Mafucci che chiude in 1h56’46”. Complimenti anche a Silvia Magnolfi, che non contenta di correre la mezza ha anche sbagliato strada allungando di 4 km i già impegnativi 21: 2h35’12” il tempo finale della seconda partecipazione dopo la mezza di Arezzo. 

Maratona & Ultra, Podistica Arezzo

Fabrizio alla Valenciana

6 Dicembre, 2018

Partecipare alle maratone all’estero permette di unire qualche giorno di vacanza, la visita di una città ed una bella giornata di sport. Se poi ci si prepara in modo adeguato e si è assistiti da un pizzico di fortuna  l’uscita diventa da ricordare, come per il nostro Fabrizio Bonarini che a Valencia, in Spagna, ha chiuso la 42 km in 3h24′, migliorando in un colpo di ben 12 minuti il proprio miglior tempo. Davvero un bellissimo fine settimana, in compagni degli altri podisti aretini Sandroni, Cacioli e Brocchi.

Maratona & Ultra